IRPEF

IRPEF

Imposta reddito persone fisiche, si calcola sul reddito complessivo meno gli oneri deducibili.

Chi deve pagare l’IRPEF?

L’Irpef è versata da tutti i cittadini residenti in Italia, si calcola sui redditi prodotti in patria o all’estero, mentre i non residenti pagano per i redditi prodotti nel territorio italiano.

Redditi soggetti al versamento IRPEF

Lavoro dipendente: reddito che scaturisce da un lavoro dipendente (stipendi, pensioni, indennità, soci di cooperative ecc.)
Lavoro autonomo: redditi che scaturiscono dalla propria attività lavorativa sia occasionale che continuativa.
Fondiari: redditi derivanti da terreni e fabbricati.
Di capitali: redditi che derivano da impiego di capitali
Di imprese: redditi che derivano da imprese commerciali.

Calcolo dell’IRPEF

L’Irpef è un’imposta progressiva, colpisce i redditi delle persone fisiche con aliquote che aumentano con l’aumentare del reddito, vedi scaglioni di imposta ).

Come si paga?

Le scadenze dei versamenti sono diverse in base all’attività del contribuente:
Per i lavoratori dipendenti l’Irpef viene versata, con mod. F24, dal sostituto di imposta entro il 16 del mese successivo a quello del pagamento.
Per i contribuenti che presentano la dichiarazione dei redditi Unico le date dei versamenti variano se sono: persona fisica, società di persone, società di capitali ed enti equiparati.
In genere i versamenti delle imposte sui redditi (Irpef o Ires) avvengono in 2 fasi: il saldo relativo all’anno oggetto della dichiarazione e l’acconto per l’anno successivo, che va pagato in una o in due rate, a seconda dell’importo vedi Agenzia delle Entrate .

Domande